Tu sei qui

Home

Il kit del viaggiatore. Estate e bambini – le parole dell’esperto

Finalmente si parte per le vacanze. Ma andare in giro con un bimbo, soprattutto se piccolo, può comportare con una certa frequenza  piccoli inconvenienti di tipo medico che, oltre a far soffrire il piccolo, mettono spesso a disagio tutta la famiglia.

E’ bene quindi  prepararsi  a prevenire o affrontare tali evenienze. Cominciamo con il viaggio e la chinetosi, cioè il mal d’auto o il mal di mare per chi viaggia in nave. Innanzi tutto cerchiamo di evitare di far mangiare il bambino poco prima di partire e limitiamo il più possibile l’assunzione di cibo durante il viaggio. L’acqua potrà essere data al bambino ma un sorsetto ogni tanto. L’uso di farmaci quali gli antistaminici o gli antiemetici (chewing gum, sciroppi, supposte) è una scelta da concordare con il proprio pediatra che eventualmente li prescriverà prima del viaggio. Abbastanza efficaci e di auto prescrizione prodotti a base di zenzero (gocce o crackers )che si possono trovare in farmacia.

Arrivati alla località della vacanza ci sarà da affrontare i problemi relativi al caldo e all’esposizione al sole. Il bimbo non è un adulto di dimensioni ridotte. Il suo organismo sopporta il caldo e la disidratazione meno di quello di un adulto, quindi evitiamo di tenere i  bimbi molto piccoli (soprattutto sotto i due anni ) tutto il giorno all’aperto , in ambienti troppo caldi e soprattutto nelle ore più calde della giornata e proteggiamo i bimbi di tutte le età dalla cosiddetta “insolazione” facendogli indossare un cappellino se stanno molto tempo al sole e proponendogli spesso di bere. Riguardo l’esposizione al sole poi, non dimentichiamo di proteggere i nostri piccoli con una crema solare con un fattore protettivo elevato ed in ogni caso, durante i primi giorni di vacanza al mare, evitiamo di esporli al sole per molte ore.

Riguardo la “farmacia da viaggio” per affrontare eventuali problemi di salute, è bene portare con sé una lozione repellente contro le zanzare (esistono formulazioni specifiche per bambini) e una crema a base di un cortisonico in associazione con un antibiotico (prescritta dal proprio medico) per curare eventuali  punture d’insetto o irritazioni da alghe urticanti particolarmente dolorose che spesso tendono a sovrainfettarsi.  E’ importante portare sempre un farmaco antifebbrile/antidolorifico (in genere il paracetamolo o l’ibuprofene), dei probiotici (impropriamente chiamati fermenti lattici) per contrastare eventuali diarree e delle bustine di soluzione reidratante e di prodotti per contrastare la chetosi (cioè l’acetone) da usare in caso di vomito. L’uso di supposte a base di farmaci antiemetici (contro il vomito), e quindi la loro presenza nella farmacia di famiglia, deve essere concordato con il proprio pediatra. Per i piccoli traumi è bene avere a portata di mano un disinfettante, delle garze e dei cerotti e per le piccole escoriazioni sono molto comodi ed efficaci degli spray a  base di collagene ed argento colloidale.  Dopo un eventuale trauma, ricordarsi di applicare al più presto una borsa di ghiaccio per alcuni minuti e successivamente può essere utile l’applicazione di una crema a base di arnica. I genitori di piccoli pazienti che soffrono di patologie croniche o ricorrenti , quali ad esempio le allergie e l’asma, devono ricordarsi di portare in viaggio i farmaci specifici per tali patologie.  Ricordiamoci infine che la prescrizione di un antibiotico è un atto medico, quindi in caso di febbre persistente o quando si sospetta un infezione o qualche altro disturbo importante, evitare autoprescrizioni e consultare sempre un medico.

Dott. Domenico Meleleo

Specialista in Pediatria

www.domenicomeleleo.it

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per rimanere sempre aggiornato!